giovedì 8 ottobre 2009

W la corsa!

Prima o poi doveva succedere. Dovevo prendere il coraggio a quattro mani, farmi spazio tra i mille impegni, dedicarmi cinque minuti di tempo e ricominciare a scrivere qualcosa sul mio blog. Più di tre mesi senza che “riservassi un po’ di me” ad una passione così bella, quella di raccontare me stesso e la mia vita attraverso la corsa. Finalmente questa sera ce l’ho fatta. Voglio essere sintetico e raccontare brevemente cosa è stato in questo lasso di tempo. Sicuramente tanto mare, quasi un mese, diviso tra una settimana ad Alghero a luglio, una settimana a Gallipoli a ferragosto, cinque giorni a Vieste ai primi di settembre e per concludere, qualche giorno dopo, il giro delle Isole Eolie a tappe. Nel mezzo poca corsa, molto poca. Così come non era mai successo. Il motivo è da ricondurre ad un fastidioso dolore al tendine d’Achille sx che mi ha bloccato più di una volta e che non mi ha dato la possibilità di fare i soliti allenamenti. Per finire, la scorsa settimana, dopo aver sistemato una cinquantina di quintali di legna da ardere nel prossimo inverno, probabilmente stando in un luogo molto ventilato mentre ero sudato, ho preso una “bella” influenza, che mi ha costretto al letto con febbre a 39,5°C e mi ha fatto saltare un’altra settimana di allenamenti. Finalmente oggi, imbottito di antibiotici e con ancora qualche postumo influenzale, ho ripreso a correre. Inutile raccontare le sensazioni, credo che fossi come un drogato in crisi di astinenza. Le gambe si sono stancate subito, ma che bello correre baciato dal sole caldo e sentire il sudore, non da febbre, su tutto il corpo. Ne avevo tremendamente bisogno. E’ proprio in queste occasioni, più che mai, che riesco ad apprezzare fino in fondo il benessere che mi dona questo splendido sport. Non solo mentre sto correndo, ma anche e soprattutto dopo. Quella piacevole sensazione di leggera stanchezza, così come un torpore che mi invade, mi coinvolge a pieno e mi rilassa. Affronto il resto della giornata, forse con meno energie, ma più rilassato e ciò mi consente di avere un rendimento migliore, soprattutto sul lavoro. La sera, poi, prendo sonno in un attimo e questo mi accompagna fino al mattino seguente senza fastidiosi risvegli notturni. Davvero, viva la corsa.

3 commenti:

Mathias ha detto...

caspita sei passato qui d'Alghero..se hai fatto qualche corsetta ora mi spiego cos'era quel fulmine che vedevo passar lungo la litoranea (scherzo non ti ho incrociato :P)

Marco ha detto...

Caro Mathias, in realtà ad Alghero ho corso solo due giorni ed in maniera molto blanda. Avendo il dolore al tendine d'Achille ne ho approfittato per fare cinque giorni di riposo assoluto. In compenso ho trascorso molto tempo in acqua. La città è davvero bellissima, così come le spiagge. C'ero già stato per la maratona, ma ovviamente solo un paio di giorni. Spero di poterci tornare anche in futuro. Un caro saluto

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie