mercoledì 29 ottobre 2008

Le 3 P

Aspetto il Mondiale con tanta trepidazione, nella speranza che dopo quest’evento finisca un periodo fatto di attenzione estreme rivolte ad ogni cosa e tutto possa da me essere vissuto con maggiore spensieratezza. Non credo di essere un maniaco dell’atletica, né di vivere questo sport come un professionista (del resto non lo sono e faccio ben altro per campare), né tantomeno uno che non riesce ad avere nella testa obiettivi differenti, ed anche di gran lunga, fra di loro. Ma penso che inevitabilmente in questa sorta di marcia di avvicinamento all’evento e in questo inesorabile countdown la testa riesca a cercare forme di difesa per l’organismo. Mi spiego meglio. Chi corre una 100 km sa bene quanto sacrificio deve essere fatto in allenamento ed in gara ed è proprio per tal motivo che si cerca di fare, più che in altre occasioni, particolare attenzione ad ogni singolo gesto. Prendere una botta ad una gamba, fare una storta, ammalarsi, affaticarsi e quant’altro presentano dei pericoli costanti che possono frapporsi ad una prestazione che si avvicini di molto a quelle che sono le aspettative della vigilia. Non credo si possa rimanere totalmente indifferenti a tutto questo, come non credo si possa far finta di nulla quanto di fronte a noi si presenta una prova di siffatta importanza. Ma non vorrei essere frainteso. Voglio solo dire che se ho passato due, e forse tre, mesi della mia vita avendo nella testa il mondiale di 100 km, cercando di fare tutto per il meglio, non posso rimanere apatico di fronte a qualsiasi evento che possa arrecarmi danno nel raggiungimento del mio obiettivo. Riuscire a non provare emozioni in tali circostanze equivarrebbe a dire fondamentalmente due cose: o si è strasicuri di non poter fallire (ma su una gara così lunga come si può avere tale certezza?) o non si continua a dare la stessa importanza che si è data all’obiettivo nella fase di preparazione (ma qui la cosa cadrebbe nel paradossale). Allora cosa fare? Personalmente vivo facendo attenzione a più cose possibili evitando tutte quelle situazioni teoricamente pericolose e trascorro il mio tempo cercando nella testa sensazioni positive che possano essere trasformate in energie mentali utili, facendo in modo di non sovraccaricarmi di responsabilità inutili e tenendo sotto controllo il mio stato emotivo. Non so quanto di questo riesca io a mettere effettivamente in pratica, ma è l’unica che Posso, Penso e Provo a fare.

10 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

Paperinik pensa positivo puoi pure primeggiare per poco più...provaci !
PS
10p
pazze provocatorie provvisorie !!!

Marco ha detto...

Caro Carlo, contributo coerente, coinciso... coinvolgente! Complimenti con certe canzoncine che calda commozione ci crei! Colui che corre P.S.: 18c

Frate_tack ha detto...

Dai Marco in bocca al lupo non serve sempre primeggiare, tu sei il più forte blogtrotters non ti basta? :-)

Marco ha detto...

Caro Frate Tack, la verità più grande è che nella vita non ha alcuna importanza essere i primi, basta raggiungere i propri obiettivi e le proprie soddisfazioni. Comunque vada il Mondiale sarà un successo. Quanto ad essere il più forte tra i blogtrotters ci andrei con cautela, visto che ci sono atleti del caalibro di Andrea Rigo e Marco Boffo. Comunque grazie per il sostegno. Un caro saluto

Andreadicorsa ha detto...

Ueee ragazzo bentornato tra noi blogtrotters.........
A quanto pare tutto bene!!!!
io uso il sistema delle 6P!!!!!!
sai cosa vuol dire?
beh te lo dico subito per non farti stare sulle spine:
Porca
Paletta
Pensiamo
Positivo al
Primo
Posto

Ewwwwwiva!!!!!

Marco ha detto...

Caro Andrew, è fondamentale pensare positivo, sempre e comunque! Ci vediamo presto caro amico mio! Un caro saluto

Anonimo ha detto...

I would like to thank You for being the member of this website. Please allow me to have the possibility to show my satisfaction with HostGator web hosting. They have professional and instant support and they also offer many [url=http://tutorialtime.info/hostgator-coupons/ ]Hostgator coupon codes[/url].

I love HostGator hosting, you will too.

http://forum.mobilecrazed.com/index.php?action=profile;u=2156

Anonimo ha detto...

Cheap Jerseys From China

Choices are out there Whether you are doing a behavior, having a body function, or thinking, you are on some level doing something voluntarily The leaves are on the verge of turning from green to vivid and blazing bright colors A happy life is the product of living a great present

Cheap Jerseys China

You probably don't have the budget for things like that, right? You can still spoil your dog with simple, everyday things that cost you the absolute minimum67 This article was posted on February 09, 2005 ?2005 - All Rights ReservedSure it sounds easy? Be happy

Texan Arian Foster Jersey

Anonimo ha detto...

top [url=http://www.001casino.com/]online casinos[/url] check the latest [url=http://www.realcazinoz.com/]free casino[/url] manumitted no deposit hand-out at the best [url=http://www.baywatchcasino.com/]liberated hand-out casino
[/url].

Anonimo ha detto...

7 If you know it will take you 20 hours to learn how to use the software[url=http://www.alfredmorrisjersey.us/]Alfred Morris Jersey[/url]
it might be wiser to hire someone to do it!2 An identification number is given to each cartridge and the models it can be used in[url=http://patriotsofficialshop.com/]Stevan Ridley Youth Jersey[/url]
is generally listed on the package
Reverse Psychology: Please read every word in this paragraph”Can you see how using different words can dramatically reduce the impact and make much clearer sense of the event? This is exactly why some people never enter into a stressful[url=http://official49ersjerseystore.com/]Aldon Smith Red Jersey[/url]
depressive or anxious episode even when they are faced with the most trying of circumstances[url=http://texansfootballstore.com/]Arian Foster Authentic Jersey[/url]
such as relationship breakdown Visit his website at to learn more about printers and ink cartridges