sabato 20 settembre 2008

Una volta ogni tre giorni

Ogni tre giorni un lavoro di qualità e così oggi mi sono svegliato con il pensiero di dover fare: 7 km a 3'50, 6 km a 3'45, 5 km a 3'40, 4 km a 3'35, 3 km a 3'30, 2 km a 3'25, 1 km a 3'20, per un totale di 28 km. Sapevo bene che sarei andato facile nei primi km, ma avrei faticato, e non poco, sugli ultimi. Per questo motivo, credendo di fare cosa giusta per chi deve affrontare una 100 km come me, ho deciso di aumentare il ritmo di circa 5” nei primi blocchi e resistere il più possibile negli ultimi. Peccato che la stanchezza e la mancanza di capacità a correre a ritmi elevati siano venute fuori proprio nel finale. Non sono riuscito a correre gli ultimi tre km come da programma e mi sono arenato, con grande fatica, al ritmo di 3’30”/km. Cosa dire? Purtroppo va così. Mi impressiona l’idea perché in altri tempi e situazione correre a 3’20”/km era quasi una passeggiata. Ma gli anni passano e le cose cambiano e quindi… ci prendiamo quello che viene, mettendoci sempre però il massimo dell’impegno con la convinzione che si stia provando a fare tutto per il meglio.

6 commenti:

gianluca ad. ha detto...

ciao Marco,
solo 50 giorni al countdown. Non mollare. Un saluto al mio omonimo rugbista.

Cristian ha detto...

Su Giorgio non ho voluto esprimere nessuna opinione, perchè non sono daccordo con te ma rispetto il tuo modo di pensare.
Non sono daccordo nemmeno ora, secondo il mio modo di vedere hai fatto un ottimo allenamento, solo che i runner non sono mai soddisfatti... se avessi rispettato la tabella probabilmente avresti detto che si poteva fare meglio.
Dai Marco fra tre giorni il lavoro di qualità lo divori...

Marco ha detto...

Caro Gianluca sei un grande. Le tue parole mi fanno venire i brividi perché so che vengono dal cuore. Ti porterò i saluti al Fratellone, non preoccuparti. Un carissimo saluto Schiappetta

Marco ha detto...

Caro Cristian, sono contento che tu abbia detto chiaramente come la pensi, o meglio avrei preferito che raccontassi, anche con due battute, perché credi che sia sbagliato il discorso su Giorgio. Quanto agli allenamenti hai ragione tu, noi podisti non siamo mai, e dico mai, soddisfatti. Un caro saluto

Andreadicorsa ha detto...

Ciao Marco, sei un pò lentino, ma considerando l'età ti difendi ancora bene :::---))))
A parte gli scherzi, grande allenamento, complimenti veramente!!
Salutone Andrea

Simone ha detto...

Certo che gli anni devono essere contanti,
ma anche la stanchezza, la giornata,
non credo sia detto che tu non possa fare lo stesso allenamento con i km che volevi a 3'20" anziché a 3'30"!!! Poi anni a "specializzarsi" sulla 100 sicuramente devono avere tolto qualche cosa al motore veloce ... e fra l'altro in questo caso magari il male non viene per nuocere.

assomiglia molto all'allenamento che Speciani chiama CRI7654321, é un caso o lo hai visto in un suo libro? Pura Cursiotá.