venerdì 9 maggio 2008

La solitudine dei miei pensieri

Ormai ci siamo. Quello di domani sarà uno degli allenamenti dell’anno. L’allenamento che temo di più e che non mi fa dormire la notte. Quello che non vedo l’ora di fare per non averne più il pensiero: 70 km collinari per un totale di più di 5 ore di corsa. Attraverserò il territorio di vari comuni: Subiaco, Jenne, Vallepietra, Trevi nel Lazio, Altipiani di Arcinazzo ed infine Filettino. Sarà uno “splendido” tour in giro per il Parco dei Monti Simbruini, peccato che conosca già bene i posti e la curiosità non sia poi moltissima. Certo è che correre in questo periodo ha un sapore molto particolare. La natura è in pieno risveglio e lo si percepisce dai colori, dai suoni e dagli odori. Il tutto è esaltato dalle belle giornate di sole e dalla brina mattutina. Ma tutto ciò non contribuirà minimamente ad alleviare la fatica e i dolori muscolari. Il percorso sarà una sintesi del Passatore: partenza pianeggiante, poi salita impegnativa, seguita da discesa e falsopiano in salita, poi ancora salita, discesa e pianura. Speriamo che tutto vada per il meglio. A farmi compagnia ci sarà mio fratello Gian Luca con la bicicletta e, nella parte finale quando nulla mi entrerà più nella testa, solo la solitudine dei miei pensieri e la voglia di tornare a casa.

4 commenti:

gianluca ha detto...

Ciao Marco,
se ti puo' confortare domani cercherò di fare anch'io 70km (mi auguro 7 ore).
completamente solo con il solo traffico romano a farmi da colonna sonora.
a presto
Gianluca Adornetto (mauro's friend)

Marco ha detto...

Caro Gianluca,
come si dice "mal comune, mezzo gaudio". Vedrai che domani nonostante la distanza nei momenti di difficoltà ci faremo compagnaia l'un l'altro. Ci sentiamo dopo il lungo per raccontarci come è andata.Ma mai come in questo caso possiamo dire che: " Comunque vada sarà un successo!!". Ciao grande

Andrea ha detto...

Dai Marcone che siamo in buona compagnia allora. Domenica mi farò anch'io 65 km, 3+42 alla maratona di sommacampagna poi altri 20 il pomeriggio quando tornero' a casa. Siamo tutti sulla stessa barca se ti (ci ) puo' consolare, mal comune mezzo gaudio!!!!! evviva!!!
a presto

Anonimo ha detto...

Dai ragazzi fossero questi tutti i mali,corriamo e divertiamoci...mauro