mercoledì 14 maggio 2008

I mille

Non sono abituato a fare i lavori specifici durante la settimana. Tanto meno quelli di velocità. Ma si sa, quando si è in compagnia le cose cambiano e di molto. Così stasera insieme ai compagni di allenamento Andrea Rossi e Marco Mancini abbiamo provato a tirarci il collo: 6 x 1000 m con recupero da fermo facendo un mille ogni 5 minuti. Praticamente più si corre veloce la prova, maggiore è il tempo di recupero. Inoltre le condizioni climatiche non erano affatto tra le migliori. Infatti nel pomeriggio ha piovuto abbondantemente ed in serata il sole ha tirato fuori tutta l’umidità. Si faceva fatica non poco a respirare. Se a questo si aggiunge che la mia condizione dal punto di vista dei ritmi non è poi così brillante, si può ben capire come anche un allenamento all’apparenza così facile possa diventare estremamente impegnativo. Ed il crono lo dimostra: 3’16”, 3’13”, 3’10”, 3’12”, 3’09” e ancora 3’09”. I tempi non sono granché, ma, volenti o nolenti, questo è. L’obiettivo, dopo il Passatore, è quello di accorciare le distanze e recuperare un po’ di brillantezza sui ritmi. Almeno spero.

6 commenti:

giampiero ha detto...

Anche perchè devi vincere il primo Trofeo dei blogtrotters a Colonna..
Entrerai nella storia come il primo vincitore..ma devi allenarti, gli sconti non te li fa nessuno!
ps..sto aspettando due righe sul Passatore, intanto ti dico che troverai sul percorso altri blogger e circa venti orange della running a tifare per te!!

Anonimo ha detto...

ciao,mi chiamo chiara e per la prima volta quest'anno partecipero' al passatore.ma che ansia e che paura!da gennaio ho fatto 7 maratone e la 50km di romagna ma sono lontana dai tuoi kmtraggi.tra l'altro in questo periodo pensavo di nuotare e basta ma vedo che tu invece stai ancora caricando.io mi sento un po' scarica mentalmente e fisicamente,cosa mi consigli?ti ammiro molto,sei fortissimo,buonagiornata

Marco ha detto...

Caro Giampiero sarebbe bello poter vincere il primo trofeo dei blogtrotters a Colonna, ma l'obiettivo vero è quello di incontrare tanti amici con i quali si condivide una passione e "fare contento" Fausto. Per quanto riguarda il Passatore spero di trovare a breve tempo per scrivere qualcosa. Nel frattempo ringrazio te per ringraziare tutti gli Orange che il 31 maggio avranno una parola di "conforto" per me! Un caro saluto

Marco ha detto...

Cara Chiara, partecipare al Passatore è già un successo, portarlo al termine è l'apoteosi. Non ci sono parole per descrivere l'emozione che si prova quando sia arriva in piazza a Faenza. Per quanto riguarda gli allenamenti molto dipende dalle tue abitudini. Se sei scarica mentalmente ti consiglio di non esagerare. La 100 km si corre al 50% con le gambe e al 50% con la testa. Ma quanto le gambe vanno in crisi l'unica cosa che ci può aiutare è il cervello. Per questo motivo è importante che tu sia riposata mentalmente. Mancano solo 15 giorni ed è importante pensare a scaricare. Il mio caso è differente: vado meglio quando carico fino alla fine, almeno credo e spero. Se hai bisogno di altri consigli non hai che da chiedere. In bocca al lupo per tutto ed un caro saluto

giampiero ha detto...

Ieri sera cena "tecnica" del Passatore, presentazione della maglia commemorativa e assegnazione del team leader..io..
Pulmino, camper , auto, bici, comincia a salire l'adrenalina, penso a quando sarò lì e vedrò passare tutti davanti a me, ancora devo capire cosa vi passerà per la testa in quei momenti!
Comunque sia vi ammiro per la vostra determinazione e in alcuni casi anche un pò di incoscienza.
ps..mi ha fatto un post Ugo che mettiamo a breve, tu puoi integrarlo tranquillamente. Ciao

runners per caso ha detto...

un saluto caro a Marco

Denise